logo Spazio70

Benvenuto sul nuovo sito di Spazio 70

Qui potrai trovare una vasta rassegna di materiali aventi ad oggetto uno dei periodi più interessanti della recente storia repubblicana, quello compreso tra la fine degli anni Sessanta e i primi anni Ottanta del secolo scorso.
Il sito comprende sei aree tematiche e ben ventidue sottocategorie con centinaia di pezzi su anni di piombo, strategia della tensione, vicende e personaggi più o meno misconosciuti di un’epoca soltanto apparentemente lontana. Per rinfrescare la memoria di chi c’era e far capire a chi era troppo giovane o non era ancora nato.
Buona lettura e non dimenticare di iscriverti sulla «newsletter» posta alla base del sito. Lasciando un tuo recapito mail avrai la possibilità di essere costantemente informato sulle novità di questo sito e i progetti editoriali di Spazio 70.

Buona Navigazione!

Alle origini del cinema porno in Italia

Redazione Spazio70

Massaccesi gira nel 1978 il primo hard italiano, dall’evocativo titolo di Sesso Nero

L’anno di riferimento per il cinema pornografico in Italia può essere orientativamente identificato nel 1978. Il problema di trovare personale disposto a lavorare nel settore non si pone nemmeno nel contesto di grave crisi che la cinematografia italiana attraversa verso la fine degli anni Settanta; anzi si può certamente credere che molte centinaia di persone tra registi, truccatori, attori ed operatori di vario genere abbiano potuto tirare avanti per diversi anni grazie al porno, considerando quella che ai tempi era la ben nota permeabilità tra il cinema normale e l’hard.

Basti pensare ad Aristide Massaccesi (in arte Joe D’Amato), regista romano scomparso ormai vent’anni fa, considerato oggi dai numerosi fan del cinema di genere un vero punto di riferimento.

IL PERIODO EROTICO-ESOTICO DI MASSACCESI

L’industria cinematografica italiana, ancora in buona salute nella metà degli anni Settanta, si sosteneva grazie al cinema popolare, altrimenti detto dei «generi» (ovvero l’horror, il western, l’erotico, il poliziesco, il thriller, il decameronico, la commedia sexy,  ecc.) di cui Massaccesi era uno dei più spregiudicati rappresentanti. Egli è insomma l’autore di piccoli cult come Buio OmegaRosso SangueAntropophagus e soprattutto della fortunata serie di Emanuelle. Un regista dell’estremo capace di portare la violenza (spesso cannibalica) e l’erotismo (spesso esotico) a vette quasi parossistiche, difficilmente eguagliabili (e riproponibili) in un cinema come quello attuale.

Massaccesi gira nel 1978 il primo hard italiano, dall’evocativo titolo di Sesso Nero; come altri aveva compiuto i primi esperimenti aggiungendo inserti porno in alcune sue pellicole (in primis Emanuelle in America et in secundis  Emanuelle: perché violenza alle donne?) grazie alla gentile collaborazione di Marina Lotar in Frajese e Rick Martino, culturista italoamericano prestato al porno. Sesso Nero è riconducibile al cosiddetto periodo erotico-esotico di Massaccesi e fu un successo capace di fruttare la bella cifra di un miliardo di lire (a fronte del budget naturalmente ridicolo messo a disposizione dalla produzione). Da sottolineare come la pellicola sia stata riproiettata nel 2006 – ed in versione restaurata – dalla prestigiosa Cinémathèque Francaise, nell’ambito di un omaggio a Massaccesi.

Sceneggiatura e soggetto sono di George Eastman (alias Luigi Montefiori, altra icona per gli appassionati di b movies italiani) che dal canto proprio vantava già una lunga e proficua collaborazione con lo stesso Massaccesi. 

Sempre seguendo il filone esotico si possono segnalare altri film come Porno Esotic Love (in pratica un rimontaggio in chiave hard di Eva Nera, diretto nel 1976 dallo stesso regista) e soprattutto Porno Holocaust  che già dal titolo si rifà a Cannibal Holocaust  (assai discusso per le numerose scene di violenza sugli animali) girato da un altro regista italiano – Ruggero Deodato – nel 1980.

Per Gordiano Lupi, uno dei massimi esperti italiani del cinema di genere, Porno Holocaust  è «il film più riuscito del periodo dominicano, perché folle e visionario come il miglior cinema di Joe D’Amato».

Un’altra pellicola da segnalare è Orgasmo Nero  (1980, ancora riconducibile al periodo esotico-erotico), anch’essa caratterizzata dall’ormai collaudato stratagemma delle due versioni: quella soft  per il mercato italiano, quella hard per l’estero.

MARINA LOTAR IN FRAJESE

Massaccesi si dedica a qualche altra «fatica» chiaramente pornografica (come Stretta e bagnata) per poi ritornare all’erotico, sulla scia de La Chiave di Tinto Brass.

Risultato? L’Alcolva  (anno 1985, con Lilli Carati e Laura Gemser, l’attrice di Emanuelle) incassa due miliardi dell’epoca, mentre Il Piacere (sempre  con la coppia Carati-Gemser ma con l’aggiunta di Dagmar Lassander, una delle più belle attrici del cinema italiano anni Settanta) arriva a tre.

Marina Lotar

La già citata Marina Lotar (ex moglie del giornalista RAI Paolo Frajese) fu senza dubbio una delle prime stelle della pornografia italiana, accomunabile ad altre (ad esempio Karin Schubert) dal comune passato nel cosiddetto cinema normale. La si ricorda in alcuni film della italica commedia sexy come La Pretora  (con Edwige Fenech, regia di Lucio Fulci) o Il Ginecologo della mutua  (con Renzo Montagnani e Paola Senatore). Importante  anche la partecipazione a Primo Amore  (di Dino Risi, con Ugo Tognazzi e Ornella Muti), Le mani di una donna sola  (di Nello Rossati),  Gegè Bellavita (di Pasquale Festa Campanile), Play Motel  (di Mario Gariazzo, con Ray Lovelock altra icona del cinema 70), Compagna di viaggio (con Giorgio Bracardi e Serena Grandi) fino ad arrivare ai due episodi della serie Er Monnezza/Tomas Milian (Delitto sull’autostrada Delitto al blue gay) e a Fantozzi (Fantozzi subisce ancora). Dulcis in fundo  un ruolo ne La città delle donne, di Fellini.

Da sottolineare come le due carriere della Lotar – quella nel cinema normale e quella nel porno – si siano intrecciate tranquillamente tra la fine dei Settanta e i primi anni Ottanta, prima della irreversibile scelta a favore dell’hard a partire dalla metà degli anni Ottanta (con il ritiro dalle scene avvenuto nel 1991 a causa dei sopraggiunti limiti di età).

Naturalmente il fatto di essere la moglie di uno dei più conosciuti volti RAI stuzzicava le fantasie di autori e spettatori: la Lotar usò il cognome del marito (cioè Frajese) per un buon numero di film (anche e soprattutto pornografici) incaponendosi in questo proposito nonostante fosse in corso già da tempo una comprensibile causa legale intentata dal marito.

La Lotar è stata una delle pornodive più amate in Italia, per la spontaneità sul set, nonostante gli anni che passavano e qualche vizietto legato alla bottiglia. Il film Marina e la sua bestia  resterà famoso per la presenza, accanto all’attrice, del cavallo Principe.

Marina e Paolo Frajese si erano incontrati nel 1965 in Svezia, Paese natale della donna, nel quale il giornalista RAI si trovava come corrispondente. Lei, appena ventenne e bellissima fotomodella, era perfetta tanto è vero che i due convolarono a giuste nozze nel giro di due anni. Un matrimonio che sembrava proseguire senza particolari scossoni nonostante qualche scandaluccio legato all’abbigliamento di Marina (che amava non indossare nulla sotto la gonna). Raggiunti i trent’anni, la Lotar, inizia ad avere qualche rimpianto di troppo per la mancata carriera artistica; ecco i primi servizi senza veli ed i primi film più o meno scollacciati. Non parliamo ancora di hard, ma comunque di qualcosa di troppo ardito per una società puritana come quella italiana degli anni Settanta. Quando poi decide di passare al porno – con film come La zia svedese, Cameriera senza maliziaAttenti a quelle due ninfomaniAlbergo a oreL’amante bisex  e i celeberrimi Marina e la sua bestia 1 2 – il matrimonio con Frajese naufragherà del tutto e nel 1985 una sentenza le impedirà di utilizzare il cognome dell’ex marito nelle locandine dei suoi film.