logo Spazio70

Benvenuto sul nuovo sito di Spazio 70

Qui potrai trovare una vasta rassegna di materiali aventi ad oggetto uno dei periodi più interessanti della recente storia repubblicana, quello compreso tra la fine degli anni Sessanta e i primi anni Ottanta del secolo scorso.
Il sito comprende sei aree tematiche e ben ventidue sottocategorie con centinaia di pezzi su anni di piombo, strategia della tensione, vicende e personaggi più o meno misconosciuti di un’epoca soltanto apparentemente lontana. Per rinfrescare la memoria di chi c’era e far capire a chi era troppo giovane o non era ancora nato.
Buona lettura e non dimenticare di iscriverti sulla «newsletter» posta alla base del sito. Lasciando un tuo recapito mail avrai la possibilità di essere costantemente informato sulle novità di questo sito e i progetti editoriali di Spazio 70.

Buona Navigazione!

Prima Linea gambizza lo psichiatra Giorgio Coda

Redazione Spazio70

«L'elettricista di Collegno», già condannato per le torture inflitte ai pazienti, continuava a visitare nel suo studio in pieno centro a Torino

Il 2 dicembre 1977, un nucleo armato di Prima Linea ferisce alle gambe lo psichiatra Giorgio Coda, a lungo capo dei manicomi di Collegno e di Villa Azzurra. Nella prefazione al libro del cronista Alberto Papuzzi, «Portami su quello che canta» (Einaudi, Torino), Corrado Stajano scrive: «Quello di Coda è un sadismo praticato nel nome della scienza. Il disprezzo della persona umana spogliato di ogni elementare diritto. Il feroce empirismo, la gratuità e l’unicità dei trattamenti che escludono ogni sospetto di scientificità. La punizione e la tortura mascherate da necessità terapeutiche. La violenza in nome della normalità».

IL SISTEMA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI IN ITALIA

Ma chi è Giorgio Coda?

Probabilmente la vicenda umana e professionale dello psichiatra piemontese deve essere collocata in un contesto più ampio, politico e sociale, che è poi quello che gli ha consentito di praticare per anni le sue aberranti teorie: un intero sistema fatto di «università di élite, medicina di classe, assistenza psichiatrica, scuola e giustizia, libera professione, compiacenza della stampa» che, come scrive lo stesso Papuzzi, «si rispecchia e riconosce in Giorgio Coda».

Nel processo di primo grado che lo vede protagonista per le sevizie contro i piccoli pazienti del manicomio di Collegno, Coda viene condannato a cinque anni di reclusione: tre gli vengono amnistiati, in una sentenza che appare storica non tanto per la esiguità della pena quanto per la partecipazione attiva nel dibattimento delle vittime di Coda e in definitiva del sistema degli ospedali psichiatrici in Italia. Una condanna più morale che giuridica, quella letta con voce ferma dal giudice Venditti, affiancato dai colleghi Susciot e Prat, accompagnata dalle grida vibranti dei pazienti presenti tra il pubblico.

Per la prima volta in Italia, viene insomma riconosciuto ai malati il diritto di testimoniare come tutti gli altri cittadini.

«Pare al tribunale che nell’imputato ricorra in pieno e integro il dolo», si legge nella sentenza di primo grado, «quando sottoponeva a punizione elettrica le parti offese egli aveva perfetta consapevolezza della illegittimità di tali punizioni, del loro carattere vessatorio, della loro identità a creare nei soggetti passivi una totale soggezione ai voleri del Coda».

UN MEDICO CHIUSO IN UNA TORRE D’AVORIO

Un medico che lo stesso giudice Venditti definirà «chiuso in una torre d’avorio, protetto da chi doveva controllare quanto succedeva all’interno dell’ospedale, insensibile alle sofferenze dei malati».

Era stata Maria Repaci – una assistente sociale del Centro tutela minorile di Torino – a inviare nel 1968 al presidente del Tribunale dei minori un rapporto di cinque pagine. Nello scritto si raccontava la vicenda di un bambino di dieci anni, Alberto B., ricoverato nell’ospedale di Collegno per avere ingoiato una biglia di vetro. Da qui il trasferimento a Villa Azzurra, diretta da Coda, nella quale il bambino viene legato al letto per settimane. Quando il presidente del tribunale trasmette a sua volta un rapporto alla Procura della Repubblica, dopo un anno l’inchiesta finisce nelle mani di un giudice istruttore. Dagli interrogatori viene fuori l’esistenza di un sistema fatto di vere e proprie torture ai danni delle persone ospitate nelle strutture dirette da Coda.

Emergono particolari raccapriccianti: alcuni ex degenti risultano non avere più i denti, spezzatisi a seguito delle sedute di elettroshock. La macchina per il cosiddetto «elettromassaggio» veniva portata in processione nei reparti, a mo’ di ammonimento, e regolarmente usata: una volta posizionata nelle vicinanze dei letti dei ricoverati, gli infermieri tenevano fermo il malato, il medico applicava gli elettrodi e il circuito veniva chiuso. A partire da quel momento, il paziente si contorceva per le scariche elettriche: urla, perdita di feci e urina, con gli altri pazienti ad aspettare terrorizzati il proprio turno.

CAVILLI ED ECCEZIONI

Nonostante le testimonianze, durante il dibattimento emerge un cavillo che rischia di alleggerire ulteriormente la posizione dello psichiatra: gli avvocati dell’imputato, Mussa e Zaccone, fanno osservare che mentre l’ufficio istruzione di Torino indagava sulla attività di Coda, lo stesso medico risultava essere ancora giudice onorario presso il Tribunale dei minori. Il codice di procedura penale, fanno osservare i difensori del professore, dice che un giudice non può essere processato presso il tribunale in cui espleta le sue funzioni. Una eccezione che vede contrari gli avvocati di parte civile e il procuratore generale Cordero Di Vonzo secondo i quali il tribunale dei minori ha una competenza funzionale autonoma che non influenza il tribunale ordinario. I giudici della Corte d’appello non accolgono la tesi dei difensori del professore, ma nemmeno la rigettano: semplicemente rinviano gli atti alla Cassazione affinché si pronunci sulla competenza del Tribunale di Torino a processare lo psichiatra.

Coda, dal canto proprio, si dichiara vittima di una macchinazione. I giornali torinesi fanno notare come lo psichiatra, nonostante l’utilizzo dell’elettroshock su centinaia di pazienti, sia finito a processo soltanto a seguito della denuncia di una assistente sociale. Alcuni giornali utilizzano il termine «sevizie» tra virgolette.

ENTRA IN AZIONE UN COMMANDO DI PRIMA LINEA

Il 3 dicembre 1977, Coda viene gravemente ferito da un nucleo di Prima Linea nel suo studio di via Casalis, a Torino. Il commando entra in azione alle 18,40: in studio, oltre a Coda, il collega Treves e Carla Simonessa, l’infermiera-segretaria. Proprio la Simonessa, dopo aver sentito il citofono suonare, si avvicina al portone: «Siamo della polizia, non si preoccupi», sente dire dall’esterno. Quando la donna apre il portone, si ritrova di fronte quattro giovani con le pistole spianate. Uno di questi prende per il braccio l’infermiera e la trascina nel bagno mentre un secondo uomo raggiunge correndo la stanza nella quale Coda visita i pazienti: afferra lo psichiatra, lo incatena al termosifone e lo obbliga a inginocchiarsi.

Il breve «processo» al quale lo psichiatra viene sottoposto tocca fatti già emersi durante l’inchiesta della magistratura partita con l’esposto del 1968. Le accuse sono lanciate in modo freddo e la sentenza è di condanna.

Un primo proiettile si conficca nella spalla destra del medico, un secondo nella sinistra, mentre un terzo va a spappolare il ginocchio. I colpi destinati al medico avrebbero dovuto essere cinque: un probabile inceppamento dell’arma risparmia a Coda gli altri due, che vengono ritrovati inesplosi per terra. Alle 19 il commando è già in strada, non senza prima aver tranciato i cavi del telefono. «Un lavoro da professionisti», lo definirà un funzionario della questura.

I primi soccorsi a Coda vengono operati da un farmacista della zona. Ambulanza e polizia arrivano presto: Coda finirà alle Molinette in prognosi riservata. La modalità del ferimento non è probabilmente casuale. Durante il processo al medico era emerso un episodio, denunciato da un gruppo di assistenti sociali, di un bambino legato a un termosifone e poi liberato con ustioni alle braccia e alla schiena. Le modalità seguite nel ferimento di Coda sono quindi forse da ricercarsi in una logica da «contrappasso».

LA FERMA CONDANNA DEL PCI TORINESE

Poche ore dopo l’agguato allo psichiatra, la segreteria della federazione del Pci torinese esprime «la più ferma e recisa condanna per il gravissimo atto di violenza terroristica di cui è stato vittima il prof. Coda».

«Siamo in presenza», prosegue il comunicato, «di un nuovo oscuro episodio dell’ondata di violenza e terrorismo che ha preso di mira, da mesi, la nostra città. La stessa scelta della vittima conferma che ci troviamo di fronte a una azione condotta con freddezza e cinismo che mira a indebolire le difese democratiche anche creando elementi di equivoco nel giudizio della opinione pubblica. Proprio per questo occorre che anche in una simile occasione l’esecrazione e la ripulsa della violenza siano generali. Chi spara alle gambe, chi uccide, chi lancia le molotov, chi fa della violenza il proprio credo politico è un nemico della classe operaia e della democrazia».

«”Porco”, mi dicevano, “bastardo”, eppure io ho fatto soltanto il medico e tanta gente ha ricevuto benefici da me», dice Coda sul letto di ospedale, «ma questi terroristi mi hanno processato e condannato in un minuto. Sì, sono proprio io quello dell’elettroshock. Fate qualcosa, ho un male terribile».