logo Spazio70

Benvenuto sul nuovo sito di Spazio 70

Qui potrai trovare una vasta rassegna di materiali aventi ad oggetto uno dei periodi più interessanti della recente storia repubblicana, quello compreso tra la fine degli anni Sessanta e i primi anni Ottanta del secolo scorso.
Il sito comprende sei aree tematiche e ben ventidue sottocategorie con centinaia di pezzi su anni di piombo, strategia della tensione, vicende e personaggi più o meno misconosciuti di un’epoca soltanto apparentemente lontana. Per rinfrescare la memoria di chi c’era e far capire a chi era troppo giovane o non era ancora nato.
Buona lettura e non dimenticare di iscriverti sulla «newsletter» posta alla base del sito. Lasciando un tuo recapito mail avrai la possibilità di essere costantemente informato sulle novità di questo sito e i progetti editoriali di Spazio 70.

Buona Navigazione!

Le organizzazioni giovanili di Stato nella DDR

Redazione Spazio70

Dai primi anni Settanta, il Segretario Generale Erich Honecker spinge per intensificare i ranghi e le attività della Libera Gioventù Tedesca, causando le preoccupazioni dei vicini occidentali

Germania dell’Est. Il «Sozialistische Einheitspartei Deutschlands», detto «SED», è il partito unico della DDR, al potere dal 1949, una realtà complessa il cui obiettivo è quello di creare la perfetta nazione socialista, lontana dal modello occidentale in ogni campo possibile, da quello economico a quello sociale. La SED guida i cittadini della Germania Est attraverso dieci comandamenti socialisti, i «10 Gebote» che raccomandano al cittadino, tra le altre cose, di essere solidale con tutti gli operai, compiere buone azioni socialiste che migliorino le condizioni della collettività proletaria, proteggere il patrimonio comune e moltiplicarlo, essere solidale nella guerra per la libertà della nazione.

La SED auspica anche il perfezionamento della dottrina marxista-leninista attraverso le esperienze internazionali di costruzione socialista e la pratica della lotta di liberazione rivoluzionaria.

L’organo di reclutamento politico giovanile del partito nonché organizzazione di stampo paramilitare con addestramento alle armi è la «Freie Deutsche Jugend», la Libera Gioventù Tedesca (FDJ) che accoglie tutti i ragazzi della DDR tra i 14 e i 27 anni, seguiti ideologicamente secondo la dottrina antifascista e socialista.

«UN ESERCITO DI VIGILANTI INDOTTRINATI NELLA DIFESA DEL SOCIALISMO»

La FDJ opera anche a livello educativo e professionale, sia nell’ambito scolastico che nell’ingresso nel mondo del lavoro, attraverso percorsi specifici, come corsi di lavoro manuale, su specializzazioni tecniche o sull’analisi della produzione. L’addestramento militare con campi di simulazione alla guerra, al pattugliamento di confine e al perfezionamento nell’uso delle armi, converge nel «Gesellschaft für Sport und Technik» (GST), organo sottoposto della FDJ specificamente destinato a questo tipo di attività.

Dai primi anni Settanta, il Segretario Generale Erich Honecker spinge per intensificare i ranghi e le attività della Libera Gioventù Tedesca, causando le preoccupazioni dei vicini occidentali.

In un rapporto della CIA desecretato il 28 gennaio 2011 e datato aprile 1984, la «Freie Deutsche Jugend» viene definita come un esercito di vigilanti fortemente indottrinati alla difesa del socialismo, che studiano storia della guerra e manuali di strategia bellica, a cui è richiesto di essere pronti a difendere la «Nazione Socialista» ad ogni costo.

Nel 1981 su iniziativa di Honecker, i corsi di addestramento alle armi diventeranno obbligatori a scuola.